/Blog/Salute e benessere/Estate e voglia di vacanze: consigli e curiosità per sentirsi davvero in vacanza!

Estate e voglia di vacanze: consigli e curiosità per sentirsi davvero in vacanza!

L’estate è ormai alle porte e con essa arriva anche la voglia di andare in vacanza! Andare in vacanza e sentirsi in vacanza è cosa ben diversa

Estate e voglia di vacanze: consigli e curiosità per sentirsi davvero in vacanza!

6 minuti

L’estate è ormai alle porte e con essa arriva anche la voglia di andare in vacanza! Andare in vacanza e sentirsi in vacanza è cosa ben diversa: certamente partire per luoghi tutti da scoprire è bellissimo, tuttavia se non siamo psicologicamente “pronti” è possibile che anche il viaggio più avventuroso si trasformi in un’ulteriore occasione di stress. La predisposizione mentale al relax e alla serenità ci permetterà di sentirci in vacanza in ogni luogo, perfino all’interno della propria casa, per questo ci addentreremo in strategie e ambiti ideali per fare in modo che questo accada.

Troppo spesso siamo abitati dall’ansia di doverci riposare, divertire, rilassare ad ogni costo, diventa imperativo trovare il posto ideale per trascorrere le tanto agognate vacanze, un posto che deve possedere specifiche caratteristiche, perché deve farci rilassare! Insomma tutto questo pensiero attorno alla scelta del luogo, alle elevate attese di meritato relax, di preoccupazione che qualcosa possa andare storto può comportare un enorme dispendio d’energia e apportare notevole stress.

Innanzitutto è bene iniziare dall’ascoltarsi veramente. Quali sono i nostri reali bisogni? Ognuno ha i suoi, per questo non esiste una vacanza ideale per tutti. Abbiamo voglia di fare baldoria? Oppure di scoprire luoghi e paesi lontani? Forse preferiremmo tragitti corti e paesaggi tranquilli? O necessitiamo di una spiaggia assolata per restare sdraiati di fronte al mare? Magari sarebbe meglio un posto per fare lunghe passeggiate, sport e movimento in luoghi di montagna? Desideriamo il silenzio o sentiamo il bisogno di entrare in relazione con altre persone con cui fare amicizia? O forse desideriamo goderci semplicemente la quiete di casa nostra, libera da incombenze e impegni di lavoro?

Rispondere a queste domande ci aiuterà ad indirizzare la scelta verso il luogo ideale per godere appieno del nostro tempo di vacanza.

INIZIAMO A STACCARE LA SPINA PER RECUPERARE VITALITÀ

Se le vacanze si avvicinano è bene iniziare a rallentare i ritmi lavorativi, in modo da non incorrere nel tipico stress da vacanza, caratteristico dei primi giorni dopo lo stacco repentino dalla vita frenetica. Ecco alcuni consigli utili, sul come fare:

  • In vacanza abbiamo il diritto di prenderci cura di noi stessi, allontaniamo qualsiasi senso di colpa per il lavoro rimasto in ufficio o quant’altro. Meritiamo di riposarci, di divertirci, di goderci le nostre vacanze, il mondo non smetterà di girare senza di noi!
  • Potrebbe essere utile stilare un elenco di cose da terminare per chi rimarrà al lavoro, una sorta di passaggio di consegne che, oltre ad essere funzionale professionalmente parlando, ci permetterà di sentirci “a posto con noi stessi”.
  • Staccare la spina, significa anche staccare quella di tablet, pc e cellulari. Disconnettiamo la rete WI-FI, ebbene sì, è necessario farlo, troviamo il coraggio, eventualmente verifichiamo la posta elettronica solo in un paio di orari prestabiliti, in giornata. Purtroppo anche dare una risposta rapida per chat o mail potrebbe avere il potere di farci travolgere nel vortice di messaggi, social etc. e spesso rovinarci l’intera giornata.
  • Godiamoci il presente in tutta la sua bellezza e calma, osserviamo ciò che ci circonda con stupore e curiosità e immergiamoci nel meritato riposo.

LA VACANZA INIZIA NEL MOMENTO IN CUI DECIDIAMO DI PROGRAMMARLA

Iniziare a pianificare le vacanze, esplorando le proprie necessità e valutando le diverse opzioni, immerge la nostra mente nell’atmosfera vacanziera, per questo è importante cominciare ad abbandonare i doveri e dedicarsi maggiormente al piacere.

  • Rallentare i ritmi frenetici ai quali siamo abituati significa, per esempio, dedicare momenti serali all’ascolto di buona musica, bagni rilassanti, cene in terrazzo, consumate con calma al chiaro di luna.
  • Ricordiamoci che la respirazione è vita! Respirare in modo consapevole significa seguirne il ritmo, percependo l’aria propagarsi in tutto il nostro corpo e godere dei benefici che ne derivano.
  • Prestiamo attenzione alle emozioni che ci abitano: siamo felici, preoccupati, angosciati, entusiasti di partire in vacanza con quegli amici, in quel particolare luogo?
  • Ascoltiamo anche le sensazioni sgradevoli, come la fatica, la stanchezza, eventuali contratture muscolari… Prenderne consapevolezza è il primo passo per superarle.

SENTIRSI IN VACANZA ANCHE A CASA PROPRIA: STAYCATION

Vacanza significa, innanzitutto, interrompere la routine quotidiana. Sempre più frequentemente, per motivi diversi, molte famiglie rimangono a casa nei mesi estivi. Anche se non si riesce a partire, staccare la spina, rallentando i ritmi frenetici ai quali siamo abituati è una necessità per il benessere del corpo e della mente. Il termine staycations indica precisamente “restare (stay), vacanze (vacations)”, banalmente: ferie a casa.

Trascorrere le vacanze a casa può diventare una vera occasione di riposo e rigenerazione, tutto sta nell’approccio mentale che intendiamo assumere. Innanzitutto chiediamoci cosa rende la vacanza veramente vacanza, per noi. Ognuno troverà risposte diverse, personali: colazioni abbondanti, grandi abbuffate, riposo, relax, avventura, esplorazione, letture, visite guidate in posti nuovi, fare cose nuove dal solito, dare sfogo alla creatività, praticare sport o giochi di società con amici e familiari…In base alle risposte, inizieremo a pianificare le nostre piacevolissime vacanze a casa. Innanzitutto rivolgiamo i nostri pensieri a cose nuove, possibilmente lasciando spazio anche all’imprevisto, al caso, senza pianificare ogni dettaglio (riponiamo timer, orologi) e non dimentichiamoci di concedere più tempo al sonno e al riposo: dormire fa bene e anche oziare di tanto in tanto. Una giornata in spa, sport estremi, brevi gite a tema, o cinema, possono rappresentare alternative interessanti, non è necessario andare dall’altra parte del mondo per divertirsi. L’importante è rilassarsi, godersi il tempo e cercare di staccare il pensiero dalle preoccupazioni di tutti i giorni. Una vacanza a casa, è pur sempre una vacanza.

ALLA SCOPERTA DELLA PROPRIA CITTA’

Fare i turisti nella propria città, non è strano, può regalare sensazioni inaspettatamente piacevoli. Viviamo nella stessa città da tantissimi anni, magari da sempre, eppure spesso i turisti stranieri che la visitano la conoscono meglio di noi. Possiamo andare alla scoperta di angoli poco conosciuti, oppure di mostre, esposizioni, biblioteche, eventi…Tutto ciò che serve per regalarci il piacere della scoperta e della novità è prepararsi con qualche lettura, qualche ricerca, magari contattare una guida locale per farsi accompagnare in giro per la città, e tutto prenderà un colore diverso. Se abbiamo dei bambini, una bellissima idea, apprezzatissima dai più piccoli, è andare in giro con tram o city-bus e ancora di più, organizzare dei pic-nic all’aperto. La natura e gli alberi contribuiscono a creare il senso di evasione appropriato per sentirsi in vacanza. Anche il cibo è un modo piacevole per viaggiare attraverso il gusto, ci si può concedere dei tour gastronomici, andando alla scoperta di sapori nuovi, ristoranti etnici, specialità tipiche di ogni parte del mondo.

VACANZE IN CITTA’ CON I BAMBINI

Partiamo dal presupposto che i bambini hanno esigenze diverse da noi adulti, inoltre hanno la straordinaria capacità di stupirsi davanti a piccole meraviglie che, ai nostri occhi, spesso passano inosservate. I bambini non hanno bisogno di posti nuovi, ma semplicemente da scoprire. In estate, anche la città si arricchisce di attività nuove, iniziative, laboratori creativi proprio per i più piccoli. Oltretutto ciò che entusiasma maggiormente i bambini è trascorrere tempo in famiglia, giocando e divertendosi insieme e condividendo esperienze di qualità.

Non facciamo l’errore, tuttavia, di subissare ogni attimo della loro giornata con attività, campus e quant’altro, la noia non è qualcosa da cui fuggire, soprattutto nell’infanzia, piuttosto una sensazione importante e basilare per incrementare creatività e fantasia. Per divertirsi con i bambini è sufficiente qualche gioco d’acqua, nel terrazzo, in giardino, nei parchetti o in cortile. I più piccoli adorano il giardinaggio, cucinare, dipingere…basta stare con loro e tutto diventerà “supercalifragilistichespiralidoso”!

Se il mare non dista parecchio, potremmo pensare anche a qualche giornata da pendolari della spiaggia, altrimenti gite al lago o semplicemente giornate nella piscina comunale rappresentano momenti preziosi da vivere anche in compagnia di amichetti o cuginetti.

Se poi la giornata prevede il giro in bici, o il giro in monopattino, il gioco è fatto. Biblioteche, musei, librerie e teatri all’aperto. Organizzare una visita in un posto che faccia apprezzare ai bambini il gusto della conoscenza è di sicuro una buona idea per incuriosirli e coinvolgerli.

A questo punto: BUONE VACANZE A TUTTI!!!

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo usando i tasti qui sopra!!! 😊


Ultimi articoli

Comunicare con gli adolescenti: 12 errori da non fare!

L’adolescenza è quell’età della vita, nella quale si sviluppano alcune delle competenze indispensabili per iniziare ad assumersi le responsabilità, di base, per la futura età adulta. “Adolescere”, infatti, significa proprio “crescere”.

Adolescenza - 16/07/24

Progetto personalizzato: Valery e il controllo sfinterico

Ho ricevuto in studio diversi bambini con questo problema, di età diverse. Per garantire l’anonimato e mantenere il segreto professionale, utilizzerò nome ed età fittizi, descrivendo la situazione più diffusa

Eventi e progetti - 11/07/24

Debiti scolastici? Strategie vincenti per superare gli esami senza troppo stress

La prospettiva di un’estate trascorsa sui libri in vista dell’esame di recupero, di una o più insufficienze scolastiche, non è delle più allettanti

Adolescenza - 27/06/24

Ragazzi e tecnologia: a favore o contro?

Lo sviluppo tecnologico è stato così rapido e dirompente, in ogni settore, da poter parlare di una vera e propria rivoluzione.

Adolescenza - 18/06/24

I bambini e la rabbia

I bambini sono teneri “cucciolini”, ci colmano la vita di gioia, ci fanno sorridere e divertire con la loro spontaneità, eppure già da piccolissimi hanno il potere di scatenare “l’ira di Giove” con le loro esplosioni di rabbia incontenibili.

Infanzia - 07/06/24

Il pedagogista: metodologie e strategie d'intervento

Mai come in questo momento è più attuale parlare della figura del pedagogista che, finalmente, ha ottenuto il tanto meritato riconoscimento con la Legge 55 del 15 aprile 2024 che istituisce l'Ordine delle professioni pedagogiche ed educative.

Salute e benessere - 31/05/24

La scuola oggi: essere un bravo insegnante

Lavorare in diversi ruoli nelle scuole, dall'infanzia alle secondarie, mi consente di rimanere attenta e aggiornata sulla realtà scolastica attuale.

Salute e benessere - 28/05/24

La passione di Tomas

Tomas ha quindici anni e frequenta la prima superiore, è un ragazzo calmo, introspettivo apparentemente timido, dall’animo nobile e gentile.

Giovani talenti - 26/05/24

La passione di Serena

Serena è una preadolescente con un’incredibile fantasia e di una gentilezza immensa, frequenta la prima classe delle medie

Giovani talenti - 21/05/24