/Blog/Infanzia/Il rapporto tra bambini e animali domestici

Il rapporto tra bambini e animali domestici

Chi mi conosce bene sa che ho tanti interessi, ma in particolare due grandi passioni: il mondo infantile e il mondo animale

Il rapporto tra bambini e animali domestici

8 minuti

L’amore per i bambini e per gli animali, in particolare domestici, mi ha portato, sovente, a rintracciare studi e scoperte che li accumunassero. Ho sempre avuto cani in casa, sono cresciuta con Rudy, poi ho adottato Fiocco con cui sono cresciuti i miei due figli e adesso abbiamo la piccola Minù che colma di gioia e amore le nostre giornate, amata e coccolata da tutti. Fin da piccola ho goduto degli effetti benefici del contatto con il mio Rudy. Ero una bimba vivace, poi un’adolescente oppositiva e arrabbiata e l’unica cosa che mi dava quiete e serenità era proprio accarezzarlo, stare con lui, giocarci. Quando, all’età di 14 anni, non mi sentivo capita da nessuno, mi percepivo brutta e inadeguata e ce l’avevo con il mondo intero, soprattutto con i miei genitori, minacciando un giorno sì e l’altro pure di scappare di casa (ebbene sì, anche la mia adolescenza è stata turbolenta e faticosa!), l’unico pensiero positivo andava al mio adorato cagnolino, mi sentivo amata da lui, accettata per come ero, non dovevo fingere di essere diversa, né tanto meno cordiale e amorevole per essere benvoluta da lui. Per questo ho sempre fatto in modo che anche i miei figli potessero beneficiare del contatto con un animale, vivendo con un cagnolino, un supporto che per me è stato davvero importante.  

Nel corso della mia vita ho collaborato con diverse associazioni, una in particolare “Amico Animale” per la quale ho stilato iniziative e progetti, diffusi anche nelle scuole di Garbagnate Milanese nel lontano 2005, con la finalità principe di sensibilizzare bambini e ragazzi al rispetto degli animali e della natura in generale.

Clicca qui per leggere e scaricare il racconto dal titolo Dodo, scritto per l'associazione Amico Animale.

Gli animali domestici, come cani, gatti, pesci e uccelli, sono da lungo tempo considerati degli ottimi compagni per gli esseri umani. Oltre ad essere adorabili e carini, gli animali domestici possono portare numerosi benefici a livello fisico, emotivo e sociale per coloro che decidono di accoglierli nella propria casa.

Collage foto con cani

ASPETTI POSITIVI RISCONTRABILI NELLE PERSONE (grandi e piccine) CHE VIVONO CON UN ANIMALE

  1. Benefici fisici: gli animali domestici possono contribuire a ridurre lo stress e l'ansia. Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che il semplice atto di accarezzare un animale può aiutare a ridurre la pressione sanguigna, il battito cardiaco e i livelli di cortisolo, l'ormone dello stress, nel sangue. Inoltre, passeggiate regolari con il proprio cane possono favorire un maggior livello di attività fisica e migliorare la forma fisica del proprietario. Questo è particolarmente importante considerando che la sedentarietà è un fattore di rischio per numerose malattie croniche, come il diabete, le malattie cardiache e l'obesità.
  2. Benefici emotivi: gli animali domestici possono offrire un valido supporto per chi soffre di condizioni mentali come la depressione e l'ansia. Gli animali domestici sono in grado di offrire una compagnia incondizionata, ascoltando senza giudicare e offrendo amore e affetto senza limiti. La presenza costante di un animale domestico può aiutare a ridurre la solitudine e aumentare il senso di benessere emotivo. Numerosi studi hanno dimostrato che le persone che hanno un animale domestico tendono ad avere una migliore qualità della vita e un maggiore benessere psicologico.
  3. Benefici sociali: gli animali domestici possono favorire l'interazione con gli altri. I proprietari di animali domestici spesso condividono esperienze e racconti sui propri amici pelosi con altre persone, favorendo la creazione di legami sociali e amicizie. Inoltre, possono essere un valido strumento per creare nuove conoscenze, ad esempio nei parchi o durante le passeggiate. Alcuni studi hanno dimostrato che le persone che possiedono un animale domestico tendono a essere più socievoli e ad avere una maggiore rete di supporto sociale rispetto a coloro che non ne hanno.
  4. Benefici educativi: i bambini che crescono con animali domestici possono imparare importanti lezioni di responsabilità, cura e rispetto per gli altri esseri viventi. L'interazione con un animale può anche aiutare i bambini a sviluppare l'empatia e la capacità di sostenere gli altri.
  5. Benefici terapeutici: gli animali domestici possono essere utilizzati in terapie specifiche per aiutare i bambini a superare traumi emotivi, disabilità o disturbi comportamentali. La presenza di un animale può offrire comfort e sostegno durante momenti difficili.

In particolare, nei bambini e ragazzi, il contatto con gli animali può contribuire a migliorare l'autostima e la fiducia in sé stessi. Il sentimento di responsabilità verso un essere vivente può anche favorire lo sviluppo di competenze come la gestione del tempo, la pianificazione e l'organizzazione. Inoltre, l'interazione con un animale domestico può aiutare a sviluppare empatia, compassione e capacità di gestire le emozioni, competenze fondamentali per relazioni interpersonali positive.

RICERCHE SCIENTIFICHE CHE AVVALORANO I BENEFICI OTTENUTI NEL RAPPORTO CON UN PET

Una delle ricerche scientifiche più importanti sul rapporto tra bambini e animali è stata condotta da un team di psicologi ed epidemiologi inglesi, pubblicata su International Journal of Environmental Research and Public Health, una sorta di revisione e integrazione di tutti gli studi clinici finora effettuati in questo settore, fa emergere risultati oggettivi a sostegno del positivo legame tra il possesso di un animale domestico e i benefici relativamente: stabilità emotiva, responsabilizzazione, socializzazione di bambini e ragazzi.

“In bambini e adolescenti – scrivono gli autori – la convivenza con gli animali riduce l’ansia e la depressione, attenua il senso di solitudine e aumenta il livello di fiducia e autostima, in maniera proporzionale all’attaccamento dei giovani proprietari al proprio quattro zampe.”

Testo originale della ricerca

La ricerca ha dimostrato che i bambini che interagiscono con gli animali domestici hanno mostrato livelli più bassi di stress, ansia e depressione rispetto a quelli che non hanno animali in casa. Inoltre, i bambini che crescono con animali domestici sviluppano una maggiore empatia, capacità di socializzare e autostima.

Questo studio ha evidenziato l'importanza del rapporto tra bambini e animali per la salute psicologica e lo sviluppo sociale dei bambini, sottolineando i benefici che derivano da questa interazione.

La presenza degli animali nella vita dei bambini è un argomento d’interesse crescente nella comunità scientifica, in quanto si ritiene che possa avere un impatto positivo sullo sviluppo emotivo, cognitivo e comportamentale dei più piccoli. Gli animali domestici, in particolare, possono offrire ai bambini un senso di sicurezza, aiuto nell'apprendimento di responsabilità e un'opportunità per esprimere e ricevere affetto.

La ricerca ha esaminato diversi fattori legati al contatto con gli animali. Oltre a valutare i livelli di ansia, stress e comportamento sociale dei bambini, sia in presenza che in assenza di animali, sono state misurate anche le reazioni emotive e fisiologiche dei bambini durante l'interazione con gli animali.

È emerso che i bambini esibivano comportamenti sociali più positivi e manifestavano una maggiore empatia e sensibilità nei confronti degli altri quando erano in presenza di animali.

Dal punto di vista fisiologico, è stato osservato che i bambini mostravano una riduzione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna durante l'interazione con gli animali, indicando un livello inferiore di stress e ansia. Inoltre, i bambini sembravano essere più tranquilli e rilassati durante il tempo trascorso con gli animali, suggerendo che la presenza degli animali possa influenzare positivamente il benessere fisico dei bambini.

Gli autori dello studio sottolineano l'importanza di includere questa forma di terapia nel contesto educativo e terapeutico dei bambini, al fine di favorire lo sviluppo emotivo, cognitivo e relazionale dei più piccoli.

PET THERAPY: DI COSA SI TRATTA?

foto pet therapy

Nel contesto terapeutico, gli animali domestici vengono sempre più utilizzati per aiutare le persone a superare traumi emotivi, disturbi dell'umore e altre condizioni psicologiche. La pet therapy, o terapia assistita con gli animali, è una pratica che coinvolge la presenza di animali domestici durante le sessioni di terapia per favorire il benessere fisico e emotivo dei pazienti. Numerosi studi hanno dimostrato che la pet therapy può aiutare a ridurre l'ansia, migliorare l'umore e aumentare la motivazione nei pazienti affetti da disturbi psicologici.

Biofilia e pet therapy, la psiche ne beneficia - Sanità24

OSPEDALE DI TRADATE E PET THERAPY

Ricordo, parecchi anni fa, l’esperienza meravigliosa che ho vissuto presso il reparto pediatrico dell’ospedale di Tradate, il motivo della mia permanenza era legato ad un progetto universitario. Ricordo nitidamente la stanza attrezzata per accogliere insieme bambini degenti e animali, spazio finalizzato a quello che, ai tempi, era ancora un progetto sperimentale di pet therapy, ma che poi si è evoluto e perfezionato. Ho il ricordo di una coniglietta bianca coccolata, accarezzata, messa anche nel forno giocattolo dell’angolo gioco della cucina. Bambini in procinto di sostenere interventi chirurgici o già subiti e che, in quello spazio e tempo dedicati, ritrovavano spensieratezza e serenità. La coniglietta Sonia aveva le zampine senza pelo, per lo stress accumulato, stress assorbito dai bambini. La responsabile del progetto mi rincuorò informandomi che, ciclicamente o al bisogno, gli animali venissero mandati “in vacanza” per un mese (dal veterinario o in spazi di riposo naturali, appositi), per recuperare benessere ed energia.

La pet therapy è una pratica terapeutica che prevede l'utilizzo degli animali come strumento per migliorare la salute e il benessere delle persone. Nell'ospedale di Tradate, nel reparto pediatrico, la pet therapy viene utilizzata per aiutare i bambini ad affrontare meglio il periodo di degenza e a superare le paure legate alla malattia e alle cure mediche.

Gli animali coinvolti nella pet therapy, attualmente, sono per lo più cani addestrati appositamente per interagire con i pazienti pediatrici. La presenza degli animali permette ai bambini di sentirsi più a loro agio e di distrarsi dalle preoccupazioni legate alla malattia, riducendo così lo stress e l'ansia legati alla degenza ospedaliera.

La pet therapy nell'ospedale di Tradate viene svolta da personale specializzato che segue protocolli specifici per garantire il benessere dei pazienti e degli animali coinvolti. I benefici della pet therapy nel reparto pediatrico sono molteplici, tra cui un aumento del benessere emotivo, una maggiore interazione sociale e una diminuzione dei livelli di stress e ansia.

GLI ANIMALI NON SONO GIOCATTOLI!

Se vostro figlio vi chiede: “Mamma, papà mi comprate un cucciolo per il mio compleanno o per Natale?” riflettete bene su cosa significhi adottare un animale che deve diventare, a tutti gli effetti, parte della famiglia.

Per approfondire: www.quotidianosanita.it

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo usando i tasti qui sopra!!! 😊

Altro in Infanzia


Ultimi articoli

I bambini e la rabbia

I bambini sono teneri “cucciolini”, ci colmano la vita di gioia, ci fanno sorridere e divertire con la loro spontaneità, eppure già da piccolissimi hanno il potere di scatenare “l’ira di Giove” con le loro esplosioni di rabbia incontenibili.

Infanzia - 07/06/24

Il pedagogista: metodologie e strategie d'intervento

Mai come in questo momento è più attuale parlare della figura del pedagogista che, finalmente, ha ottenuto il tanto meritato riconoscimento con la Legge 55 del 15 aprile 2024 che istituisce l'Ordine delle professioni pedagogiche ed educative.

Salute e benessere - 31/05/24

La scuola oggi: essere un bravo insegnante

Lavorare in diversi ruoli nelle scuole, dall'infanzia alle secondarie, mi consente di rimanere attenta e aggiornata sulla realtà scolastica attuale.

Salute e benessere - 28/05/24

La passione di Tomas

Tomas ha quindici anni e frequenta la prima superiore, è un ragazzo calmo, introspettivo apparentemente timido, dall’animo nobile e gentile.

Giovani talenti - 26/05/24

La passione di Serena

Serena è una preadolescente con un’incredibile fantasia e di una gentilezza immensa, frequenta la prima classe delle medie

Giovani talenti - 21/05/24

La passione di Lorella

Lorella frequenta la terza liceo, è una ragazza sensibile, ma allo stesso tempo forte e determinata.

Giovani talenti - 20/05/24

Apprendimento e disturbi specifici (DSA)

Lavoro presso istituzioni scolastiche da oramai ventinove anni e mi capita, sovente, d’imbattermi in ragazzi che evidenziano difficoltà specifiche nell’ambito dell’apprendimento

Salute e benessere - 17/05/24

La passione di Lydia

Lydia ha otto anni e frequenta la classe terza. È una bambina entusiasta, sensibile e con una predisposizione naturale all’empatia

Giovani talenti - 15/05/24

La passione di Lian

Lian è un bambino che frequenta l’ultimo anno della scuola dell’Infanzia

Giovani talenti - 15/05/24