/Blog/Genitorialità e coppia/Cuore di mamma

Cuore di mamma

Mamma, una parola semplice, due sillabe che racchiudono un universo di significati

Cuore di mamma

4 minuti

Le braccia di una madre sono fatte di tenerezza e i bambini vi dormono profondamente.

Victor Hugo

Mamma, una parola semplice, due sillabe che racchiudono un universo di significati, di modi di vivere, di scelte, di emozioni, di immense gioie e altrettante sofferenze, di rinunce, di lotte, di abbandono, di desideri, di sogni, di lacrime un po’ di gioia e un po’ di tristezza.

 

Mamma abbraccia figlio

 

Mamme che attendono la nascita del loro bimbo con ansia, paura, emozione e mamme che non avranno mai questa gioia ma che, comunque, rimarranno per sempre mamme nel cuore. 

Mamme che scelgono di diventare mamme di bambini partoriti da altre donne che attendono, sperano, sognano e poi lottano contro i fantasmi di un passato di cui non sono state parte, che accettano di condividere in sofferenza con il figlio adottato.

Mamme che accarezzano il volto di un bambino sognato diverso: in salute, forte ed invece abbracciano un bambino fragile, malato, bisognoso di immenso amore per il resto della vita che, talvolta, è solo di pochi anni. 

Mamme che lasciano volare in cielo il loro angioletto senza essere pronte a farlo, abitate da un dolore immenso per il resto della loro vita.

Mamme che accompagnano con lo sguardo la crescita del loro piccolo da sole, con il timore nel cuore di non essere abbastanza, di non riuscire, di sbagliare. 

Mamme che stanno sveglie tutta la notte cercando di placare il pianto inconsolabile del loro piccolo e poi alle 7.30 vanno a lavorare con la camicetta allacciata male, le occhiaie legate a innumerevoli notti insonni, i capelli non lavati, ma nello sguardo la voglia di farcela in nome di un amore che non si riesce a descrivere. 

Mamme che aspettano sveglie il rientro del figlio, per ore, combattute tra il bisogno di sapere dove si trova, con chi e se sta bene e la consapevolezza di dover dare fiducia, di donare quelle ali che permetteranno al figlio di volare lontano, forte e sicuro nel mondo. 

Mamme che sentono, percepiscono che qualcosa non va solo da uno sguardo, che sanno aspettare in silenzio il momento giusto e mamme che il momento giusto sembra non lo trovino mai, che esplodono di rabbia, scoraggiate davanti alle scelte di un figlio che non comprendono più, ma che sentono ancora tra le braccia, braccia che percepiscono indolenzite come quando era piccolo. 

Mamme che sanno ascoltare e mamme che non riescono a tacere; mamme che crescono con il figlio, sbagliando, cadendo e rialzandosi, proprio come lui e che trascorrono tutta la vita a rendergliela un po’ più facile, consapevoli della durezza del mondo, che si sacrificano, fanno salti mortali per accontentarlo, agevolarlo, alleggerirlo e nella vecchiaia si ritrovano sole in una casa di riposo, attendendolo ancora una volta varcare quella porta che si apre troppo poco e solo per pochi fugaci minuti. 

Mamme distratte con la mente, ma vigili con il cuore e mamme attente a tutto, ad ogni particolare: a nutrire correttamente, a controllare i compiti del figlio, a fare in modo che non manchi nulla, utilizzando la pausa pranzo per fare spesa, a correre a destra e a sinistra prima e dopo il lavoro per portare e riportare il figlio avanti e indietro a scuola, a calcio, a chitarra, a catechismo, a karate.

Mamme che leggono sul referto dei loro esami che sono malate, consapevoli di dover lottare contro un “mostro” più grande di loro, più forte, che le sta consumando, eppure abitate da un’unica grande preoccupazione: come faranno i miei figli? Mamme esauste, tristi, abbandonate che infondono coraggio ai loro piccoli, senza averne per loro. 

Mamme che riescono a vedere il mondo con gli occhi del figlio, che condividono e partecipano, senza esserci, alla loro gioia, ai loro successi, alle loro conquiste.

Mamme picchiate, maltrattate, offese da quelle stesse mani che loro hanno accarezzato tante volte con tenerezza, per tanti anni, mani che le hanno cercate, che chiedevano loro aiuto nel bisogno e che ora le disprezzano, le allontanano, le condannano.

Mamme che in nome di un amore senza limiti, denunciano i maltrattamenti dei figli e mamme che con coraggio disarmante rinunciano ai figli per farli stare bene, per farli guarire.

 

MAMME E ANCORA MAMME

PERCHE’ CHI E’ MAMMA LO SARA’ PER SEMPRE A PRESCINDERE DA TUTTO.

 

Foto Happy mother's day

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo usando i tasti qui sopra!!! 😊


Ultimi articoli

I bambini e la rabbia

I bambini sono teneri “cucciolini”, ci colmano la vita di gioia, ci fanno sorridere e divertire con la loro spontaneità, eppure già da piccolissimi hanno il potere di scatenare “l’ira di Giove” con le loro esplosioni di rabbia incontenibili.

Infanzia - 07/06/24

Il pedagogista: metodologie e strategie d'intervento

Mai come in questo momento è più attuale parlare della figura del pedagogista che, finalmente, ha ottenuto il tanto meritato riconoscimento con la Legge 55 del 15 aprile 2024 che istituisce l'Ordine delle professioni pedagogiche ed educative.

Salute e benessere - 31/05/24

La scuola oggi: essere un bravo insegnante

Lavorare in diversi ruoli nelle scuole, dall'infanzia alle secondarie, mi consente di rimanere attenta e aggiornata sulla realtà scolastica attuale.

Salute e benessere - 28/05/24

La passione di Tomas

Tomas ha quindici anni e frequenta la prima superiore, è un ragazzo calmo, introspettivo apparentemente timido, dall’animo nobile e gentile.

Giovani talenti - 26/05/24

La passione di Serena

Serena è una preadolescente con un’incredibile fantasia e di una gentilezza immensa, frequenta la prima classe delle medie

Giovani talenti - 21/05/24

La passione di Lorella

Lorella frequenta la terza liceo, è una ragazza sensibile, ma allo stesso tempo forte e determinata.

Giovani talenti - 20/05/24

Apprendimento e disturbi specifici (DSA)

Lavoro presso istituzioni scolastiche da oramai ventinove anni e mi capita, sovente, d’imbattermi in ragazzi che evidenziano difficoltà specifiche nell’ambito dell’apprendimento

Salute e benessere - 17/05/24

La passione di Lydia

Lydia ha otto anni e frequenta la classe terza. È una bambina entusiasta, sensibile e con una predisposizione naturale all’empatia

Giovani talenti - 15/05/24

La passione di Lian

Lian è un bambino che frequenta l’ultimo anno della scuola dell’Infanzia

Giovani talenti - 15/05/24