/Blog/Adolescenza/E arriva l'adolescenza...

E arriva l'adolescenza...

Conoscerla per prevenire comportamenti inefficaci e controproducenti

E arriva l'adolescenza...

2 minuti

Un giorno arriva in studio una mamma di una ragazza sedicenne, visibilmente provata, usando le sue stesse parole “DISPERATA”! Mi racconta che la ragazza è continuamente inquieta, irascibile. Si scaglia contro di lei con atteggiamenti provocatori e minacciosi, urlandole che non capisce, che la opprime…Le scrive lettere tristi, dove emerge scoramento nei confronti della famiglia e della vita; disprezzo per la mamma, non si sente capita da nessuno… La mamma insiste, raccontandomi quanto fosse brava ed educata qualche anno prima. Diligente a scuola, affettuosa in famiglia…trascorrevano tanto tempo insieme, chiacchieravano di tutto, ridevano… adesso, mi dice, sembra “Posseduta”.

L’adolescenza è un’età di grandi cambiamenti: fisici, comportamentali, psicologici, emotivi…  I ragazzi crescono e nella ricerca di quello che sono azzardano tentativi “rivoluzionari” per affrontare le tante novità in corso interiormente. Una rivoluzione che non può non esprimersi tra instabilità e incoerenza, altalenando tra posizioni estreme un po’ su tutto e con tutti. Del resto ci vuole tempo, tentativi, esperienza prima che approdino in quella che sarà la propria personalità adulta. Alla luce di tutto questo, è chiaro che non può essere una “passeggiata” (né per noi mamme, né tanto meno per i ragazzi). Ciononostante a renderla un’età problematica, critica, spesso siamo noi genitori (inconsapevolmente). Perché non sopportiamo l’idea che soffrano; perché spesso ci aspettiamo che si comportino come se fossero già adulti, con esperienza, sicurezza in se stessi; perché non possiamo accettare l’idea che preferiscano trascorrere tempo con i coetanei, piuttosto che con noi (come un tempo); perché li vorremmo tenere, inconsciamente, per sempre piccoli; perché abbiamo difficoltà a lasciarli andare per la loro strada, oppure perché insistiamo affinché seguano la strada che noi abbiamo scelto per loro; noi che sappiamo come funziona il mondo… noi che sappiamo cosa è bene per loro… Noi che sappiamo TUTTO e che per questo veniamo odiati dai nostri figli che, invece, questo tutto lo vogliono scoprire da soli, sbagliando, piangendo, soffrendo… in definitiva non così tanto diversamente da come abbiamo fatto noi alla loro età! Noi che ci siamo dimenticati che non esiste una scatola uguale per tutti, nel quale incasellare i nostri figli… ma la necessità di vederli per come sono, per quello che desiderano e accettare da dove partono per percorrere la loro strada! Così quello che noi definiamo NORMALE (la scatola di cui abbiamo parlato sopra, con le caratteristiche e atteggiamenti che secondo noi i ragazzi a questa età dovrebbero avere) si tramuta in una GABBIA PER GLI ADOLESCENTI, che li rende maggiormente irrequieti, scontrosi, arrabbiati, tristi, scoraggiati….

 

 

E questo perché se esiste un aspetto stabile in questa particolare età E’ PROPRIO L’INSTABILITA’ E LA DISARMONIA. E solo quando noi genitori saremo pronti ad accettarlo, apriremo un varco preziosissimo che ci permetterà di “raggiungerli”, capirli, sostenerli, spesso anche solo rispettando il loro silenzio.

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo usando i tasti qui sopra!!! 😊

Altro in Adolescenza


Ultimi articoli

I bambini e la rabbia

I bambini sono teneri “cucciolini”, ci colmano la vita di gioia, ci fanno sorridere e divertire con la loro spontaneità, eppure già da piccolissimi hanno il potere di scatenare “l’ira di Giove” con le loro esplosioni di rabbia incontenibili.

Infanzia - 07/06/24

Il pedagogista: metodologie e strategie d'intervento

Mai come in questo momento è più attuale parlare della figura del pedagogista che, finalmente, ha ottenuto il tanto meritato riconoscimento con la Legge 55 del 15 aprile 2024 che istituisce l'Ordine delle professioni pedagogiche ed educative.

Salute e benessere - 31/05/24

La scuola oggi: essere un bravo insegnante

Lavorare in diversi ruoli nelle scuole, dall'infanzia alle secondarie, mi consente di rimanere attenta e aggiornata sulla realtà scolastica attuale.

Salute e benessere - 28/05/24

La passione di Tomas

Tomas ha quindici anni e frequenta la prima superiore, è un ragazzo calmo, introspettivo apparentemente timido, dall’animo nobile e gentile.

Giovani talenti - 26/05/24

La passione di Serena

Serena è una preadolescente con un’incredibile fantasia e di una gentilezza immensa, frequenta la prima classe delle medie

Giovani talenti - 21/05/24

La passione di Lorella

Lorella frequenta la terza liceo, è una ragazza sensibile, ma allo stesso tempo forte e determinata.

Giovani talenti - 20/05/24

Apprendimento e disturbi specifici (DSA)

Lavoro presso istituzioni scolastiche da oramai ventinove anni e mi capita, sovente, d’imbattermi in ragazzi che evidenziano difficoltà specifiche nell’ambito dell’apprendimento

Salute e benessere - 17/05/24

La passione di Lydia

Lydia ha otto anni e frequenta la classe terza. È una bambina entusiasta, sensibile e con una predisposizione naturale all’empatia

Giovani talenti - 15/05/24

La passione di Lian

Lian è un bambino che frequenta l’ultimo anno della scuola dell’Infanzia

Giovani talenti - 15/05/24